Voglia di felicità? Voglia di ben-essere?

Da : ShenPlanet Italia

Crescita personale significa imparare a essere felici, capire come cambiare in meglio, davvero, la nostra vita.

 

Qual è l'opinione comune sulla felicità? Possiamo sintetizzarla così: «La felicità è un mito, una leggenda: tutti ne parlano ma pochi l'hanno  davvero conosciuta, e pochissimi sono così fortunati da assaporarla a lungo...».

In pratica si pensa che la felicità sia un fattore esterno a noi, che debba essere ricercata ma che raramente questa caccia vada a buon fine. E se fosse tutto sbagliato? Proviamo a pensare che la felicità non sia un premio o un trofeo da conquistare o meritare. Gli studi scientifici dimostrano che il  nostro cervello è programmato per produrla continuamente. In ogni istante, infatti, mentre noi rincorriamo pensieri, progetti, obiettivi, il cervello sta "felicitando", ossia si sta predisponendo a  creare una condizione di pienezza e di soddisfazione, che non dipende  dalle circostanze esterne e non ha "scadenza" temporale. Il cervello tende all'equilibrio mantenendo sempre attive le centraline del piacere e della gratificazione, secernendo endorfine e neuro-trasmettitori, in particolare la serotonina, responsabile di uno  stato di benessere e felicità.

Ma allora perché la felicità sembra tanto rara?

Nonostante il cervello sia sempre pronto a generare felicità, nell'esperienza di molte persone sono soprattutto gli stati d'animo negativi ad avere la meglio: molto spesso ci facciamo invadere dai brutti pensieri, da preoccupazioni e ansie che mettono le radici e "infestano", come erbacce, la nostra mente. Se vogliamo sfruttare appieno il potenziale di felicità che il nostro cervello secerne, occorre aiutarlo con l'atteggiamento giusto.

 

Le convinzioni sbagliate che ostacolano la felicità

«La felicità dipende dall'esterno». Così la cerchi dove non c'è
È un po' l'errore numero uno, che li riassume tutti. Spesso si guarda con diffidenza alle persone che pur avendo davvero poco, si dicono felici. Si pensa che siano ingenue, di poche  pretese... In realtà siamo noi ad esserlo quando ci facciamo convincere dall'idea che non si può essere felici quando si è soli, o con pochi  mezzi, senza una bella casa, un lavoro gratificante... Sono le condizioni che poniamo alla felicità a renderci insoddisfatti: siamo sempre alla ricerca di qualcosa, della speranza che si realizzi un progetto, che si presenti un evento appagante che possa finalmente farci sentire felici.

«La felicità è rara, eccezionale». In questo modo ignori tutti i piccoli momenti felici
Quanti sono i momenti davvero felici nella vita? L'opinione comune è che si contino sulle dita di una mano e corrispondano a eventi eccezionali: il  matrimonio, il primo amore, la laurea, la firma di un buon contratto,  una vacanza memorabile, la nascita di un figlio... E nella vita di  tutti i giorni? Non ce ne accorgiamo più, assuefatti come siamo alla routine e alle abitudini. Invece la vita è cosparsa di istanti felici, basta non soffocarli con i pensieri rivolti ossessivamente al passato.

«Bisogna meritarsela». La trasformi in qualcosa che arriva solo lottando
In fondo siamo convinti che, come tutti i premi, dobbiamo meritarsela. Per esserne degni dobbiamo sottoporci a un duro lavoro, a un grande impegno, a rinunce e sacrifici. Occorre migliorare se stessi, smussare difetti e limiti, raggiungere obiettivi professionali. Bisogna sforzarsi, lottare con noi stessi e col mondo, ottenere  successi. Ma così, se per caso ne raggiungiamo un pezzetto, subito andiamo in ansia perché la sentiamo minacciata e finiamo per non godercela nemmeno. È una via sbagliata: gioia e dolore sono stati interiori che convivono nel cervello in ogni istante, perché sono prodotti dal cervello, non dal mondo esterno. Non c'è da fare alcuno sforzo pratico o morale, non c'è da meritarsi la felicità: c'è da lasciarle spazio dentro di noi.

«La felicità è un ideale». Se diventa un'utopia non la raggiungi più

Se pensiamo che la felicità sia il frutto di condizioni ideali, se pensiamo cioè che saremo felici solo quando avremo realizzato quel tal obiettivo, o avremo raggiunto quella determinata meta personale, stiamo rimandando la felicità a un futuro utopico che potrebbe non arrivare mai. Non esiste da nessuna parte un mondo perfetto senza conflitti, problemi, difficoltà; in cui ogni nostro bisogno e desiderio viene appagato. Si tratta di un mondo talmente ideale, da essere inesistente. Ma se la felicità diventa un'utopia, l'infelicità diventa la norma, che si sopporta magari in vista di un fine superiore. Non bisogna mai opporre la realtà di oggi ai sogni di domani: la realtà deve essere il nostro sogno, oggi, qui. Tutto quello che ci serve per essere felici è già a nostra disposizione, non c'è da cercare altro.

 

Il benessere è uno stato che determina la qualità della vita di una persona e che riguarda l’equilibrio tra corpo e mente, che si potrebbe sintetizzare con due parole: stare bene. Negli anni questo concetto ha subito diverse modifiche: se prima con benessere si intendeva solo una mancanza di patologie fisiche e mentali, oggi si intende una condizione generale di buona salute, energia, felicità, serenità, appagamento della mente. Lo stress della vita frenetica moderna, delle pressioni esterne sull’individuo e il concetto di essere multitasking hanno portato negli anni a valorizzare sempre di più lo stato di benessere psico-fisico.

Secondo la Commissione Salute dell’Osservatorio europeo su sistemi e politiche per la salute il benessere è “lo stato emotivo, mentale, fisico, sociale e spirituale di ben-essere che consente alle persone di raggiungere e mantenere il loro potenziale personale nella società”. Il benessere della persona è una condizione posta come obiettivo in moti ambiti della vita: quello lavorativo, famigliare, domestico, alimentare, sanitario, legislativo e non ultimo quello individuale.

 

Riza.it | immagine intraprendere.net